Discussione:
su TN ci sono io
(troppo vecchio per rispondere)
AC
2005-11-09 15:02:41 UTC
Permalink
http://www.toronews.net/view.php?folder=&table=article&ID=578

AC
Gifo
2005-11-09 15:05:27 UTC
Permalink
Post by AC
http://www.toronews.net/view.php?folder=&table=article&ID=578
Ma perché sti stronzi ti hanno messo la figurina con la maglia della Roma?
GFO
--
#1 - CG31

Potere a Quarto Potere

Give my umbrella to the rain dogs
Alfredo Bodoira
2005-11-09 15:11:01 UTC
Permalink
Post by Gifo
Post by AC
http://www.toronews.net/view.php?folder=&table=article&ID=578
Ma perché sti stronzi ti hanno messo la figurina con la maglia della Roma?
GFO
Teribbili. Manca loro solo di fare un articolo su Pulici,
accompagnandolo con una foto con la maglia dell'Udinese.
AlexBi
2005-11-09 15:26:54 UTC
Permalink
Post by Alfredo Bodoira
Post by Gifo
Post by AC
http://www.toronews.net/view.php?folder=&table=article&ID=578
Ma perché sti stronzi ti hanno messo la figurina con la maglia della Roma?
GFO
Teribbili. Manca loro solo di fare un articolo su Pulici,
accompagnandolo con una foto con la maglia dell'Udinese.
Sì ma è la maglia Zico-like... oscenamente bianconera ma almeno non a
"zebra"...

...brrrrr... pulici con la maglia zebrata...


Ma poi, voleva finire la carriera al Toro... gli dissero di
accomodarsi... da fucilate
AC
2005-11-09 15:35:06 UTC
Permalink
Post by Gifo
Post by AC
http://www.toronews.net/view.php?folder=&table=article&ID=578
Ma perché sti stronzi ti hanno messo la figurina con la maglia della Roma?
ùma sai che non me ne ero accorto...

quello è stato uno dei momenti più bui della mia vita, dover giocare libero e prenderlo in culo da
Radice allo stesso tempo non è facile...

AC
Zonter
2005-11-09 16:38:16 UTC
Permalink
Post by AC
quello è stato uno dei momenti più bui della mia vita, dover giocare
libero e prenderlo in culo da
Post by AC
Radice allo stesso tempo non è facile...
E che mi dici di quel cazzo di rigore? Eh?
--
Zonter
AC
2005-11-10 15:55:16 UTC
Permalink
Post by AC
Post by AC
quello è stato uno dei momenti più bui della mia vita, dover giocare
libero e prenderlo in culo da
Post by AC
Radice allo stesso tempo non è facile...
E che mi dici di quel cazzo di rigore? Eh?
quello sul palo con il Tirol?
era voluto... se l'avessi segnato, avremmo vinto la coppa e poi tutta una serie di cose che ci
avrebbero portato ad essere come il Milan...

AC
Zonter
2005-11-10 16:23:51 UTC
Permalink
Post by AC
Post by Zonter
E che mi dici di quel cazzo di rigore? Eh?
quello sul palo con il Tirol?
Proprio!
Post by AC
era voluto... se l'avessi segnato, avremmo vinto la coppa e poi tutta una
serie di cose che ci
Post by AC
avrebbero portato ad essere come il Milan...
Ah. Che culo abbiamo avuto!
--
Zonter
AC
2005-11-11 10:36:00 UTC
Permalink
Post by AC
Post by AC
era voluto... se l'avessi segnato, avremmo vinto la coppa e poi tutta una
serie di cose che ci
Post by AC
avrebbero portato ad essere come il Milan...
Ah. Che culo abbiamo avuto!
il culo non esiste (non nel senso che l'intestino sbuca dalla schiena e rilascia liquami in giro)...

sono io che l'ho fatto appositamente apposta

AC

andrea@Home
2005-11-09 15:06:54 UTC
Permalink
Post by AC
http://www.toronews.net/view.php?folder=&table=article&ID=578
Strano, non si parla di Muzzi e non hai citato neanche una volta
la Premiere inglese :-D

Forza TORO

Andrea
AC
2005-11-09 15:37:40 UTC
Permalink
Post by ***@Home
Strano, non si parla di Muzzi e non hai citato neanche una volta
la Premiere inglese :-D
ma senti, sono o non sono il più grande attaccante dela storia del Toro???

perchè devo parlare di un totano?
:-))))))

AC
Gifo
2005-11-09 15:46:25 UTC
Permalink
Post by AC
Post by ***@Home
Strano, non si parla di Muzzi e non hai citato neanche una volta
la Premiere inglese :-D
ma senti, sono o non sono il più grande attaccante dela storia del Toro???
Per chi ancora non la conoscesse racconto una delle scene più belle cui ho
assistito in vita mia.
4 maggio 2005, ruderi dello Stadio Filadelfia, partita vecchie glorie granata.
A fine partita alle transenne AC scorge Ciccio Graziani e comincia a chiamarlo
"Cicciooooooooooooo Cicciooooooooooooooooo Ciccioooooooooooooooooooooo" Ciccio
si volta "dimmi" e AC "mi chiami un attaccante forte tipo Comi?" Ciccio
"mavvafff"
GFO
--
#1 - CG31

Potere a Quarto Potere

Give my umbrella to the rain dogs
AC
2005-11-09 16:02:43 UTC
Permalink
Post by Gifo
Per chi ancora non la conoscesse racconto una delle scene più belle cui ho
assistito in vita mia.
4 maggio 2005, ruderi dello Stadio Filadelfia, partita vecchie glorie granata.
A fine partita alle transenne AC scorge Ciccio Graziani e comincia a chiamarlo
"Cicciooooooooooooo Cicciooooooooooooooooo Ciccioooooooooooooooooooooo" Ciccio
si volta "dimmi" e AC "mi chiami un attaccante forte tipo Comi?" Ciccio
"mavvafff"
e ciccio ci aveva gli occhiali da minchione sulla faccia...

forse non li avesse avuti la nostra crudeltà non sarebbe giunta a tanto, o no?

AC
Alfredo Bodoira
2005-11-09 16:14:41 UTC
Permalink
Post by AC
e ciccio ci aveva gli occhiali da minchione sulla faccia...
forse non li avesse avuti la nostra crudeltà non sarebbe giunta a tanto, o no?
Oppure se Ciccio si fosse tolti i minchiocchiali siccome John Belushi,
e tu, novello Carro Fisher, fossi caduto vittima del suo sguardo
ciociaro e fuggitivo.
Gifo
2005-11-09 16:39:51 UTC
Permalink
Post by AC
e ciccio ci aveva gli occhiali da minchione sulla faccia...
forse non li avesse avuti la nostra crudeltà non sarebbe giunta a tanto, o no?
Oppure se Ciccio si fosse tolti i minchiocchiali siccome John Belushi,
e tu, novello Carro Fisher, fossi caduto vittima del suo sguardo
ciociaro e fuggitivo.


Io AC come principessa stellare lo vedrei benissimo.
GFO
--
#1 - CG31

Potere a Quarto Potere

Give my umbrella to the rain dogs
Milton
2005-11-09 16:46:40 UTC
Permalink
Post by Gifo
Io AC come principessa stellare lo vedrei benissimo
Ma allora chi sarebbe Chewbacca?
Ciccio?


Milton
# 76 CG31 (Very) Proud Member
____________________________________________
"Il Toro sappiamo benissimo cos'è chi è dov'è e perché"
(Gifo - mood intensité on)
Gifo
2005-11-09 16:52:13 UTC
Permalink
Post by Gifo
Io AC come principessa stellare lo vedrei benissimo
Ma allora chi sarebbe Chewbacca?
Ciccio?

Non so perché non sono ferratissimo su Guerre Stellari (tutti stentano a
crederci ma li ho visti tutti, i tre storici intendo, per la prima volta 3 o 4
anni fa), quello che è sicuro è che Cimmerda sarebbe pizza margherita (cfr.
balle spaziali) e Darth Fenner è Moggi.
GFO
--
#1 - CG31

Potere a Quarto Potere

Give my umbrella to the rain dogs
Milton
2005-11-09 17:05:10 UTC
Permalink
Post by Gifo
Darth Fenner è Moggi
Beh, l'immagine del padre fedifrago è proprio azzeccata, complimenti.
Io tendo a rimuovere frequentemente e con fastidio l'idea, ma di strada
accanto (e grazie) a lui ne abbiamo fatta, e non poca. Il fatto di
riuscire a sopportarne il pensiero è uno dei misteri gaudiosi del tifo
granata.

Però (anche se per me Star Wars resta un fumettone stile space opera
che mi ha deluso fin dal 1977) permettimi: Vader, Darth Vader.
Per chi fosse interessato alla verifica:
http://www.starwars.com/episode-iv/bts/castcrew.html


Milton
# 76 CG31 (Very) Proud Member
____________________________________________
"Il Toro sappiamo benissimo cos'è chi è dov'è e perché"
(Gifo - mood intensité on)
s58302
2005-11-10 08:49:25 UTC
Permalink
Post by Milton
Post by Gifo
Darth Fenner è Moggi
Però (anche se per me Star Wars resta un fumettone stile space opera
che mi ha deluso fin dal 1977) permettimi: Vader, Darth Vader.
Va beh, allora epuriamo Topolino e chiamiamolo Mickey Mouse in tutto il
mondo...

W Darth Fener!!! ;-)
AlexBi
2005-11-10 08:53:59 UTC
Permalink
Post by s58302
Post by Milton
Post by Gifo
Darth Fenner è Moggi
Però (anche se per me Star Wars resta un fumettone stile space opera
che mi ha deluso fin dal 1977) permettimi: Vader, Darth Vader.
Va beh, allora epuriamo Topolino e chiamiamolo Mickey Mouse in tutto il
mondo...
W Darth Fener!!! ;-)
In realtà hai fatto casino

Darth Vader in Inglese
LORD Fener in Italiano

Darth Fener in Scioglilinguese...
s58302
2005-11-10 08:58:54 UTC
Permalink
Post by AlexBi
In realtà hai fatto casino
Questo è certo
Post by AlexBi
Darth Vader in Inglese
LORD Fener in Italiano
Darth Fener in Scioglilinguese...
Ummm... non sono mica sicuro! Cioè lo so che dicono Lord Fener, ma
davvero non dicono mai Darth Fener?

Mandami la trascrizione della versione italiana! :-)
AlexBi
2005-11-10 09:06:25 UTC
Permalink
Post by s58302
Post by AlexBi
In realtà hai fatto casino
Questo è certo
Post by AlexBi
Darth Vader in Inglese
LORD Fener in Italiano
Darth Fener in Scioglilinguese...
Ummm... non sono mica sicuro! Cioè lo so che dicono Lord Fener, ma
davvero non dicono mai Darth Fener?
Mandami la trascrizione della versione italiana! :-)
<http://www.geocities.com/anjaqantina/sw4_anh.html>

Sarebbe carino pero' essere sicuri che è corretta. Mi devo riguardare il
DVD.
Sì. Lo chiamano un paio di volte Darth Fener a partire da questa
(naturalmente non conto il tuo emulo che lo chiama Darth Fener ogni
volta che parla lui), ma non sono sicuro che sia corretta...
s58302
2005-11-10 09:25:43 UTC
Permalink
Post by AlexBi
Post by s58302
Mandami la trascrizione della versione italiana! :-)
<http://www.geocities.com/anjaqantina/sw4_anh.html>
Sarebbe carino pero' essere sicuri che è corretta. Mi devo riguardare il
DVD.
Sì. Lo chiamano un paio di volte Darth Fener a partire da questa
(naturalmente non conto il tuo emulo che lo chiama Darth Fener ogni
volta che parla lui), ma non sono sicuro che sia corretta...
Fantastico! La mia era una battuta, però son contento di vedere che mi
ricordavo bene: Obi-Wan cita il nome "Darth Fener".
Milton
2005-11-10 09:42:11 UTC
Permalink
Post by s58302
Va beh, allora epuriamo Topolino e chiamiamolo Mickey Mouse in
tutto il mondo...
Ooops, faccio ammenda (comunque Fener e non Fenner, era la doppia ad
avermi insospettito).
Per tornare IT, del thread di Gifo avevo apprezzato soprattutto il
parallelismo con Moggi, preciso e inquietante. Colpisce solo me o è un
feeling diffuso?



Milton
# 76 CG31 (Very) Proud Member
____________________________________________
"Il Toro sappiamo benissimo cos'è chi è dov'è e perché"
(Gifo - mood intensité on)
s58302
2005-11-10 12:02:08 UTC
Permalink
Post by Milton
Per tornare IT, del thread di Gifo avevo apprezzato soprattutto il
parallelismo con Moggi, preciso e inquietante. Colpisce solo me o è un
feeling diffuso?
Credo che affiancare il Paletta ai vari cattivi sia più che normale. Poi
quando sono paludati come Darth... beh l'immagine è molto inquietante!

Io però lo accosterei di più a don Vito Corleone, o a qualche cattivo
meno "attivo" di Fener, che in fin dei conti combatte con la sua spada
laser, pilota il suo caccia, si muove in maniera tutto sommato vivace.
Moggi è molto più untuoso, sfuggente, manovratore di persone deboli.

Magari l'Oscuro Signore chiuso nella sua reggia tetra.
Oppure il dio cieco e idiota che gorgoglia e bestemmia al centro
dell'universo.
AlexBi
2005-11-10 12:25:44 UTC
Permalink
Post by s58302
Post by Milton
Per tornare IT, del thread di Gifo avevo apprezzato soprattutto il
parallelismo con Moggi, preciso e inquietante. Colpisce solo me o è un
feeling diffuso?
Credo che affiancare il Paletta ai vari cattivi sia più che normale. Poi
quando sono paludati come Darth... beh l'immagine è molto inquietante!
Io però lo accosterei di più a don Vito Corleone, o a qualche cattivo
meno "attivo" di Fener, che in fin dei conti combatte con la sua spada
laser, pilota il suo caccia, si muove in maniera tutto sommato vivace.
Moggi è molto più untuoso, sfuggente, manovratore di persone deboli.
Magari l'Oscuro Signore chiuso nella sua reggia tetra.
Ha perso l'anello in battaglia. Sauron ha rischiato del proprio per
diventare l'oscuro signore. E' un cattivo ma non è un viscido (anzi è
abbastanza lineare come modo di ragionare)
Post by s58302
Oppure il dio cieco e idiota che gorgoglia e bestemmia al centro
dell'universo.
Azathoth

Ehi! Lovecraft non era ancora saltato fuori nel Forum se non erro :D

No, Moggi è più viscido e strisciante di Azathot...

E' il Richelieu, pur senza averne la grandezza.
E' un padrino mafioso... questo è
Milton
2005-11-10 13:51:32 UTC
Permalink
Post by s58302
Credo che affiancare il Paletta ai vari cattivi sia più che normale.
[ Mamma mia che putiferio ho scatenato con la storia del nome esatto!
Quasi quasi vado a fare il troll da qualche parte, per vedere l'effetto
che fa (cit.) :-)) ]
La cosa un po' particolare per noi è che Moggi non è solo un
'cattivone' attuale, ma anche uno dei nostri in passato (e per due
volte). Ecco perché, mettendoci nei panni di Luke Skywalker - che
spero & imploro sia stato tradotto correttamente :-) - trovavo
azzeccato il paragone di Gifo.
Ripeto, a me la cosa fa riflettere, non so a voi.

Milton
# 76 CG31 (Very) Proud Member
____________________________________________
"Il Toro sappiamo benissimo cos'è chi è dov'è e perché"
(Gifo - mood intensité on)
AlexBi
2005-11-10 14:42:27 UTC
Permalink
Post by Milton
Post by s58302
Credo che affiancare il Paletta ai vari cattivi sia più che normale.
[ Mamma mia che putiferio ho scatenato con la storia del nome esatto!
Quasi quasi vado a fare il troll da qualche parte, per vedere l'effetto
che fa (cit.) :-)) ]
La cosa un po' particolare per noi è che Moggi non è solo un
'cattivone' attuale, ma anche uno dei nostri in passato (e per due
volte). Ecco perché, mettendoci nei panni di Luke Skywalker - che
spero & imploro sia stato tradotto correttamente :-) - trovavo
azzeccato il paragone di Gifo.
Ripeto, a me la cosa fa riflettere, non so a voi.
E' lui che ha abbracciato il lato oscuro o noi che invece siamo passati
a quello chiaro?
andrea@Home
2005-11-10 15:18:43 UTC
Permalink
Post by AlexBi
E' lui che ha abbracciato il lato oscuro o noi che invece siamo passati
a quello chiaro?
E c'e' da chiederlo ? E' anche ben delineato nel 3 episodio :-)

E' lui che e' passato al lato oscuro della forza, ora ce lo dobbiamo
sorbire per quasi 3 film, ma alla fine gli facciamo un gran c**o :-D

Forza TORO

Andrea
Milton
2005-11-10 17:15:05 UTC
Permalink
Post by AlexBi
E' lui che ha abbracciato il lato oscuro o noi che invece
siamo passati a quello chiaro?
Premesso che il verbo abbracciare unito alla parola Moggi mi fa venire
in mente alcune efficienti professioniste promosse sul campo addette
all'arbitro (e mi pare che siamo ancora nel campo delle procedure
veniali - stile-retro [boni! state boni!] ), il vero problema è quello
di chiedersi se sia possibile frequentare le zone alte della classifica
restando non dico immacolati ma quanto meno dignitosi. E qui salta
fuori la domanda delle cento pistole della specificità granata:
saremmo capaci di essere come siamo se avessimo un vertice simile a
quello che va per la maggiore da un decennio?
Io sono convinto di sì (almeno per una minoranza robusta del tifo
granata, molto ben rappresentata nel ng), anche perché:
a) intanto l'ipotesi è poco plausibile
b) i precedenti di trent'anni fa dimostrano che riuscivamo a vincere
anche senza adottare certi metodi già allora usati da altri
(controprova: non possiamo dire completamente lo stesso per la bella
stagione degli anni Novanta)
c) il Toro siamo noi, e siamo dei fighi pazzeschi (cit,)

Milton
# 76 CG31 (Very) Proud Member
____________________________________________
"Il Toro sappiamo benissimo cos'è chi è dov'è e perché"
(Gifo - mood intensité on)
Cammagno
2005-11-10 09:45:29 UTC
Permalink
In data giovedì 10 novembre 2005, s58302, nel post
Post by s58302
Post by AlexBi
Sì. Lo chiamano un paio di volte Darth Fener a partire da questa
(naturalmente non conto il tuo emulo che lo chiama Darth Fener ogni
volta che parla lui), ma non sono sicuro che sia corretta...
Fantastico! La mia era una battuta, però son contento di vedere che mi
ricordavo bene: Obi-Wan cita il nome "Darth Fener".
Io non faccio commenti se no Ermentrude mi picchia ;PP

Però... però.... ma perchè, dico io, PERCHE?!? :D
--
Cammagno
SEMPRE FORZA TORO
Siamo tornati. Per restare.
andrea@Home
2005-11-10 09:45:01 UTC
Permalink
Post by s58302
Ummm... non sono mica sicuro! Cioè lo so che dicono Lord Fener, ma
davvero non dicono mai Darth Fener?
Nella versione originale del film, quella del 1977,
si usa Lord Fener senza alcuna ambiguita. Lo stesso
nei due episodi seguenti. D'altro canto il traduttore
del 1977 non sapendo cos'era un Darth, ha cercato
di rendere l'idea con una parola simile ma significativa.

Con l'arrivo delle versioni rimasterizzate e corrette, e
col successo di fine anni 90, e' arrivato il problema
della differente nomenclatura. Che si e' accentuato
con Episode I, che aveva un certo numero di Darth.

A quel punto nel 3 episodio sono passati ad un nome
misto Darth Fener.

Don't touch my SW (semicit.) ;-)

Forza TORO

Andrea
Ermentrude B.
2005-11-10 10:13:50 UTC
Permalink
Post by ***@Home
il traduttore
del 1977 non sapendo cos'era un Darth, ha cercato
di rendere l'idea con una parola simile ma significativa.
Cos'è un Darth?
--
Erme
CG31 Proud Member n° 75

I don't believe in Elvis
I don't believe in Zimmerman
I don't believe in Beatles
I just believe in me
andrea@Home
2005-11-10 10:18:28 UTC
Permalink
Post by Ermentrude B.
Post by ***@Home
del 1977 non sapendo cos'era un Darth, ha cercato
di rendere l'idea con una parola simile ma significativa.
Cos'è un Darth?
E io mica lo so :-D Se l'e' inventata a bella posta il
signor Lucas 'sta parola. Sostanzialmente e' un nome.

Forza TORO

Andrea

PS Pacchetto spedito martedi' ;-)
Ermentrude B.
2005-11-10 10:29:15 UTC
Permalink
Post by ***@Home
Post by Ermentrude B.
Cos'è un Darth?
E io mica lo so :-D Se l'e' inventata a bella posta il
signor Lucas 'sta parola. Sostanzialmente e' un nome.
Ah, be' :)
Sto più tranquilla.
Post by ***@Home
PS Pacchetto spedito martedi' ;-)
Che bello, che bello! Appena arriva ti dico e ti grazio :)

Erme
(ignorante di saghe)
Cammagno
2005-11-10 10:31:19 UTC
Permalink
Post by ***@Home
Sostanzialmente e' un nome.
E' un titolo onorifico che precede il nome dei Signori Oscuri dei Sith
(infatti, anche se Lucas non l'ha mai confermato ufficialmente, si
ritiene che derivi proprio dalle prime ed ultime lettere del titolo "
*Dar*k Lord of the Si*th* ").
Imho pertanto non sarebbe stato grave tradurre Darth con Lord, la cosa
assurda è cambiare il nome proprio.
--
Cammagno
SEMPRE FORZA TORO
Siamo tornati. Per restare.
andrea@Home
2005-11-10 10:39:02 UTC
Permalink
Post by Cammagno
E' un titolo onorifico che precede il nome dei Signori Oscuri dei Sith
Vabbe' :-) quello insomma.
Post by Cammagno
Imho pertanto non sarebbe stato grave tradurre Darth con Lord, la cosa
assurda è cambiare il nome proprio.
Beh, Vader e' cacofonico non poco in italiano, probabilmente
il tipo era li che pensava a come tradurre, e gia' che c'era
ha fatto pulizia.

Forza TORO

Andrea
Cammagno
2005-11-10 10:50:22 UTC
Permalink
Post by ***@Home
Beh, Vader e' cacofonico non poco in italiano, probabilmente
il tipo era li che pensava a come tradurre, e gia' che c'era
ha fatto pulizia.
Eh, questi traduttori... ;PPP
--
Cammagno
SEMPRE FORZA TORO
Siamo tornati. Per restare.
s58302
2005-11-10 10:45:52 UTC
Permalink
Post by Cammagno
Post by ***@Home
Sostanzialmente e' un nome.
E' un titolo onorifico che precede il nome dei Signori Oscuri dei Sith
(infatti, anche se Lucas non l'ha mai confermato ufficialmente, si
ritiene che derivi proprio dalle prime ed ultime lettere del titolo "
*Dar*k Lord of the Si*th* ").
Imho pertanto non sarebbe stato grave tradurre Darth con Lord, la cosa
assurda è cambiare il nome proprio.
Il nome fu cambiato quasi trent'anni fa quando il modo di operare sulle
traduzioni era completamente diverso. E' noto come il suono "vader" si
prestasse alla confusione con il più familiare "water" - che all'epoca,
è bene ricordarlo, per pochi era "l'acqua". Si decise così di usare
un'altro nome che (lode alla miglior scuola di doppiaggio mondiale)
consentisse un labiale consistente.

Anche la consapevolezza media sui nomi stranieri era diversa, si
cominciava appena a non italianizzare più (basta vedere come Charles
Windsor sia ancora chiamato Carlo, mentre suo figlio William non è mai
stato tradotto in Guglielmo).

Con il "senno di oggidì", certe scelte possono apparire "riprovevoli"; a
ben vedere possono offrire spunti di riflessione su come è cambiata la
nostra collocazione nel mondo e su come siamo cambiati noi.


P.S. Per me è Fener, più che altro perchè mi ricorda un bel pomeriggio
passato al cinema con mio papà quando avevo nove anni.
Doorman
2005-11-10 10:57:10 UTC
Permalink
s58302 ha scritto:
[CUT]
Post by s58302
P.S. Per me è Fener, più che altro perchè mi ricorda un bel pomeriggio
passato al cinema con mio papà quando avevo nove anni.
idem
a
--
"...gli adetti alla nostalgia accompagnarono tra i flauti
il cadavere di Utopia..."
F. De Andrè
Cammagno
2005-11-10 11:02:37 UTC
Permalink
In data giovedì 10 novembre 2005, s58302, nel post
Post by s58302
Il nome fu cambiato quasi trent'anni fa quando il modo di operare sulle
traduzioni era completamente diverso.
Purtroppo non poi molto.
Diciamo che probabilmente rispetto ad ora c'era una maggiore percentuale
dei seguenti fattori:
a) traduttori con conoscenze e/oesperienza insufficiente
b) compensi e tempi di decenza inferiori alla decenza
c) possibilità di informarsi su quello che si sta traducendo
Purtroppo però IMHO ancora oggi questi fattori sono presenti, seppur
credo in misura minore.
Post by s58302
E' noto come il suono "vader" si prestasse alla confusione con il più
familiare "water" - che all'epoca, è bene ricordarlo, per pochi era
"l'acqua".
Già... questo è un tipico esempio delle seghe mentali che IMO un
traduttore non dovrebbe mai farsi. Un nome proprio IMO andrebbe *sempre*
lasciato com'è, fosse anche ... Kakà ;P
Post by s58302
Si decise così di usare un'altro nome che (lode alla miglior scuola di
doppiaggio mondiale) consentisse un labiale consistente.
Si, questo tipo di attenzione va riconosciuto, ed è vero che abbiamo i
migliori doppiatori del mondo. Il che è una cosa sicuramente positiva.
Sul lato negativo c'è che questo è probabilmente dovuto al fato che
siamo il paese che più ne ha bisogno (esclusa forse la Spagna, dove
traducono persino i marchi -_-)
Post by s58302
Anche la consapevolezza media sui nomi stranieri era diversa, si
cominciava appena a non italianizzare più (basta vedere come Charles
Windsor sia ancora chiamato Carlo, mentre suo figlio William non è mai
stato tradotto in Guglielmo).
Beh, ma quella dell'italianizzazione dei nomi dei regnanti è una pratica
a sè stante, IMO.
Post by s58302
Con il "senno di oggidì", certe scelte possono apparire "riprovevoli"; a
ben vedere possono offrire spunti di riflessione su come è cambiata la
nostra collocazione nel mondo e su come siamo cambiati noi.
Wow, vedi tu che cose che escono fuori da una traduzione maldestra? :D
Post by s58302
P.S. Per me è Fener, più che altro perchè mi ricorda un bel pomeriggio
passato al cinema con mio papà quando avevo nove anni.
Beh, ovvio, io pure ho avuto terribili traumi con i nomi dei
protagonisti dei miei cartoni animati giapponesi preferiti :D La cosa
assurda è che gli davano lo stesso dei nomi giapponesi... ma diversi :P

[joking mode on]
Secondo me è colpa di un senso di frustrazione interiore dei traduttori,
che cercano rivalsa nell'esercitare un qualsivoglia controllo sull'opera
dell'artista originale, per cui provano una cocente invidia
[joking mode off]
--
Cammagno
SEMPRE FORZA TORO
Siamo tornati. Per restare.
Gifo
2005-11-10 11:12:18 UTC
Permalink
Post by Cammagno
Già... questo è un tipico esempio delle seghe mentali che IMO un
traduttore non dovrebbe mai farsi. Un nome proprio IMO andrebbe *sempre*
lasciato com'è, fosse anche ... Kakà ;P
Non sono d'accordo. Certo che è assurdo tradurre i nomi tipo Charles con Carlo;
ma, per esempio, io il Ford Prefect (al limite con Ford Fiesta, per mantenere
Ford come nome di battesimo) della Guida l'avrei tradotto, a noi non dice
assolutamente nulla e si perde il gioco che dà origine al nome.
GFO
--
#1 - CG31

Potere a Quarto Potere

Give my umbrella to the rain dogs
Cammagno
2005-11-10 11:22:43 UTC
Permalink
In data giovedì 10 novembre 2005, Gifo, nel post
Post by Gifo
Non sono d'accordo. Certo che è assurdo tradurre i nomi tipo Charles con Carlo;
ma, per esempio, io il Ford Prefect (al limite con Ford Fiesta, per mantenere
Ford come nome di battesimo) della Guida l'avrei tradotto, a noi non dice
assolutamente nulla e si perde il gioco che dà origine al nome.
Si mette una bella noticina a piè di pagina che lo spiega. I giochi di
parole sono per loro stessa natura intraducibili (almeno nella
stragrande maggioranza dei casi). Il traduttore può al massimo
sostituirli con altri gioxchi di parole diversi.
In subordine, se proprio si vuole che si faccia questa "traduzione"
(seppure solo in questi casi particolari), ma sempre cmq accompagnata da
una nota che riporti il nome originale e spieghi il gioco di parole.

Ma solo se è veramente necessario, lo ribadisco. Altrimenti poi non
stupiamoci se la gente sichiede cosa sia saltato in mente a Lucas di
chiamare nei primi tre episodi i robot con sigle diverse dagli altri 3.
O perchè la Rowling dica che il simbolo dei "serpeverde" è un serpente
perchè il fondatore parlava coi serpenti, quando "è ovvio" che sia
quello perchè il suo nome è "serpeverde". E mille altre cose assurde
chela gente attribuisce agli autori quando invece sono solo conseguenze
di errori di traduzione o di traduzioni volutamente forzate.
--
Cammagno
SEMPRE FORZA TORO
Siamo tornati. Per restare.
Ermentrude B.
2005-11-10 11:38:43 UTC
Permalink
Post by Cammagno
Post by Gifo
Non sono d'accordo. Certo che è assurdo tradurre i nomi tipo Charles con Carlo;
ma, per esempio, io il Ford Prefect (al limite con Ford Fiesta, per mantenere
Ford come nome di battesimo) della Guida l'avrei tradotto, a noi non dice
assolutamente nulla e si perde il gioco che dà origine al nome.
Si mette una bella noticina a piè di pagina che lo spiega.
E invece no, non si fa. Perché la 'noticina' è una resa del traduttore,
perché appesantisce la lettura, perché gli editori non la vogliono e la
concedono come ultima spiaggia, perché l'idea che sta dentro quel nome va
resa in qualche modo, va reinventata se è il caso, ma quello che il lettore
dovrebbe avere in mano alla fine è un testo il più possibile *in italiano*.
Liberissimo poi, il lettore che abbia voglia di farlo, di andarsi a cercare
i nomi originali e rifletterci su, liberissimo anche di pensare che lui
avrebbe fatto meglio di quel traduttore. Ma infarcire le pagine di note è
sbagliato, in narrativa. Che poi piaccia a te, non lo discuto;
semplicemente, non è così che si fanno i libri.
--
Erme
CG31 Proud Member n° 75

I don't believe in Elvis
I don't believe in Zimmerman
I don't believe in Beatles
I just believe in me
AlexBi
2005-11-10 12:27:38 UTC
Permalink
Post by Ermentrude B.
Post by Cammagno
Post by Gifo
Non sono d'accordo. Certo che è assurdo tradurre i nomi tipo Charles con Carlo;
ma, per esempio, io il Ford Prefect (al limite con Ford Fiesta, per mantenere
Ford come nome di battesimo) della Guida l'avrei tradotto, a noi non dice
assolutamente nulla e si perde il gioco che dà origine al nome.
Si mette una bella noticina a piè di pagina che lo spiega.
E invece no, non si fa. Perché la 'noticina' è una resa del traduttore,
perché appesantisce la lettura, perché gli editori non la vogliono e la
concedono come ultima spiaggia, perché l'idea che sta dentro quel nome va
resa in qualche modo, va reinventata se è il caso, ma quello che il lettore
dovrebbe avere in mano alla fine è un testo il più possibile *in italiano*.
Liberissimo poi, il lettore che abbia voglia di farlo, di andarsi a cercare
i nomi originali e rifletterci su, liberissimo anche di pensare che lui
avrebbe fatto meglio di quel traduttore. Ma infarcire le pagine di note è
sbagliato, in narrativa. Che poi piaccia a te, non lo discuto;
semplicemente, non è così che si fanno i libri.
Da questo punto di vista direi che la traduzione dei nomi di LOTR è
esemplare.
Cammagno
2005-11-10 12:59:36 UTC
Permalink
In data giovedì 10 novembre 2005, AlexBi, nel post
Post by AlexBi
Da questo punto di vista direi che la traduzione dei nomi di LOTR è
esemplare.
Attenzione! quello è un caso molto particolare. Tolkien scrisse un
apposito libello per i traduttori, spiegando quali nomi andavano
tradotti e quali no, e perchè. In particolare il permesso a tradurre
alcuni nomi (solo alcuni) è dovuto al fatto che quei nomi già nel testo
originale risultano (nella finzione letterarie) essere traslitterazioni
in Comune dall'elfico (non ricodo se il quenya). Per cui Tolkien spiega
come in questi specifici casi, le lingue nazionali delle localizzazioni
non solo possano, ma debbano prendere il posto dell'inglese in questo
processo. Invece gli altri nomi devono assolutamente rimanere
intradotti.
--
Cammagno
SEMPRE FORZA TORO
Siamo tornati. Per restare.
Cammagno
2005-11-10 12:30:56 UTC
Permalink
In data giovedì 10 novembre 2005, Ermentrude B., nel post
Post by Ermentrude B.
Post by Cammagno
Si mette una bella noticina a piè di pagina che lo spiega.
E invece no, non si fa.
Su questo dissento completamente, in questi casi imo è la soluzione
migliore. Tanto è vero che è quella generalmente utilizzata per le
edizioni "curate" (ancor più se di libri "importanti"), mentre invece è
quella meno utilizzata per le prime edizioni e le edizioni tascabili.
Post by Ermentrude B.
Perché la 'noticina' è una resa del traduttore,
è semplicemnte un comportamento onesto, imo. Se una cosa non è
traducibile, nonl si traduce. Sostituirla con una che il traduttore
ritiene di pari valenza è una forzatura.
Post by Ermentrude B.
perché appesantisce la lettura,
mica vero, la appesantisce solo se uno la nota la vuole leggere.
In subordine, come dicevo, per tenere conto di questa osservazione, si
può "forzare" la traduzione ma mettere cmq una nota (a piè di pagina o
in una "nota all traduzione" apposita) che riporta l'originale e lo
spiega. E' quanto viene fatto nelle edizioni di alto livello (non
necessariamente legato all'alto costo, basta pensare alle Newton), ma
IMO sarebbe auspicabile che venisse fatto in tutte.
Post by Ermentrude B.
perché gli editori non la vogliono e la concedono come ultima spiaggia
questo è notorio, ma non lo rende una decisione giusta, tutt'altro.
Post by Ermentrude B.
, perché l'idea che sta dentro quel nome va
resa in qualche modo, va reinventata se è il caso, ma quello che il lettore
dovrebbe avere in mano alla fine è un testo il più possibile *in italiano*.
Scusa, ma in parte dissento. IMO non è quello che il lettore vuole. Il
lettore vuole leggere una cosa quanto più possibile "vicina"
all'originale. uole il più possibile leggere l'autore, non il
traduttore. Tanto è vero che quando scopre quante cose il traduttore gli
ha cambiato senza ragioni apparenti, si incazza e parecchio.
Post by Ermentrude B.
Liberissimo poi, il lettore che abbia voglia di farlo, di andarsi a cercare
i nomi originali e rifletterci su, liberissimo anche di pensare che lui
avrebbe fatto meglio di quel traduttore. Ma infarcire le pagine di note è
sbagliato, in narrativa.
Nessuno ha parlato di infarcire. Si tratta di casi molto rari, perchè
nella stragrande maggioranza dei casi non c'è proprio alcuna ragione per
tradurre i nomi. Qui si sta parlando dei rari casi in cui il nome
originale abbia le seguenti caratteristiche:
a) avere un significato importante;
b) non essere "traducibile" letteralmente
non mi dirai che in un normale romanzo sono casi comuni... se il romanzo
è per sua stessa natura particolare da questo punto di vista (certi
romanzi fantasy, come dicevi tu) basta una paginetta (più probabilmente
mezza) che riporti i nomi originali con relativa spiegazione letterale.
Cos'ha che non va questa soluzione?
Post by Ermentrude B.
Che poi piaccia a te, non lo discuto;
semplicemente, non è così che si fanno i libri.
Eh, ed io che sto dicendo? Sto appunto dicendo che il modo in cui viene
comunemente gestita la traduzione dei libri (con per fortuna diverse e
consistenti eccezioni) non è imo il modo migliore, nè quello più
rispettoso dell'opera dell'autore e del volere del lettore.
--
Cammagno
SEMPRE FORZA TORO
Siamo tornati. Per restare.
Ermentrude B.
2005-11-10 12:56:21 UTC
Permalink
Post by Cammagno
Se una cosa non è
traducibile, nonl si traduce. Sostituirla con una che il traduttore
ritiene di pari valenza è una forzatura.
Io invece credo che sia... una traduzione. "Sostituire con qualcosa che
ritengo di pari valenza" è un'operazione che compio di continuo.
Post by Cammagno
perché [la nota a piè di pagina] appesantisce la lettura,
mica vero, la appesantisce solo se uno la nota la vuole leggere.
Vedere il rimando a una nota e non provare il desiderio di andarla a
leggere, credo sia un comportamento insolito per qualunque lettore.
Post by Cammagno
In subordine, come dicevo, per tenere conto di questa osservazione, si
può "forzare" la traduzione ma mettere cmq una nota (a piè di pagina o
in una "nota all traduzione" apposita) che riporta l'originale e lo
spiega.
Sono d'accordo. Inserisco volentieri note, quando le ritengo utili e quando
non sia per sopperire a una mia incapacità.
Post by Cammagno
, perché l'idea che sta dentro quel nome va
resa in qualche modo, va reinventata se è il caso, ma quello che il lettore
dovrebbe avere in mano alla fine è un testo il più possibile *in italiano*.
Scusa, ma in parte dissento. IMO non è quello che il lettore vuole. Il
lettore vuole leggere una cosa quanto più possibile "vicina"
all'originale.
Insisto: traducendo un libro, sarebbe bene tradurre ogni parola che
contenga o rimandi a uno o più sensi. Nel caso di 'Harry' ci troviamo di
fronte a un nome proprio che, grosso modo, rimanda soltanto a se stesso;
diverso è il caso di 'Albus Dumbledore', per esempio. Ma metto le mani
avanti: non discuterò la bontà della soluzione 'Silente'. :)
Post by Cammagno
Qui si sta parlando dei rari casi in cui il nome
a) avere un significato importante;
b) non essere "traducibile" letteralmente
In questi casi, ben venga la paginetta (o mezza) di spiegazione. Ma la
traduzione dovrà esserci comunque.
--
Erme
CG31 Proud Member n° 75

I don't believe in Elvis
I don't believe in Zimmerman
I don't believe in Beatles
I just believe in me
Cammagno
2005-11-10 13:20:17 UTC
Permalink
In data giovedì 10 novembre 2005, Ermentrude B., nel post
Post by Ermentrude B.
Sono d'accordo. Inserisco volentieri note, quando le ritengo utili e quando
non sia per sopperire a una mia incapacità.
In questi casi, ben venga la paginetta (o mezza) di spiegazione. Ma la
traduzione dovrà esserci comunque.
Va bene, così ci sto :)
Post by Ermentrude B.
Insisto: traducendo un libro, sarebbe bene tradurre ogni parola che
contenga o rimandi a uno o più sensi.
Sulle parole sono d'accordo, è sui nomi che ho parecchie perplessità.
Post by Ermentrude B.
Nel caso di 'Harry' ci troviamo di
fronte a un nome proprio che, grosso modo, rimanda soltanto a se stesso;
diverso è il caso di 'Albus Dumbledore', per esempio.
Ok, ma converrai che o il nome non lo si traduce, o lo si traduce
cercando di renderne il senso originale... ma perchè attribuirgliene uno
diverso da quello originale, o peggio ancora attribuire un senso a un
nome che non lo ha?
Post by Ermentrude B.
Ma metto le mani avanti: non discuterò la bontà della soluzione
'Silente'. :)
Beh, in quel caso è intervenuta la stessa autrice per "bocciare" la
traduzione italiana... più chiaro di così :)
--
Cammagno
SEMPRE FORZA TORO
Siamo tornati. Per restare.
AlexBi
2005-11-10 12:26:39 UTC
Permalink
Post by Cammagno
Ma solo se è veramente necessario, lo ribadisco. Altrimenti poi non
stupiamoci se la gente sichiede cosa sia saltato in mente a Lucas di
chiamare nei primi tre episodi i robot con sigle diverse dagli altri 3.
O perchè la Rowling dica che il simbolo dei "serpeverde" è un serpente
perchè il fondatore parlava coi serpenti, quando "è ovvio" che sia
quello perchè il suo nome è "serpeverde". E mille altre cose assurde
chela gente attribuisce agli autori quando invece sono solo conseguenze
di errori di traduzione o di traduzioni volutamente forzate.
U no pu?
Cammagno
2005-11-10 13:01:14 UTC
Permalink
In data giovedì 10 novembre 2005, AlexBi, nel post
Post by AlexBi
U no pu?
Sul ng di HP qualcuno aveva proposto una ottima traduzione... spero che
quella uffiiale sia di livello almeno pari a quella.
--
Cammagno
SEMPRE FORZA TORO
Siamo tornati. Per restare.
Doorman
2005-11-10 11:39:47 UTC
Permalink
Post by Gifo
Non sono d'accordo. Certo che è assurdo tradurre i nomi tipo Charles con Carlo;
ma, per esempio, io il Ford Prefect (al limite con Ford Fiesta, per mantenere
Ford come nome di battesimo) della Guida l'avrei tradotto, a noi non dice
assolutamente nulla e si perde il gioco che dà origine al nome.
GFO
no, non sono d'accordo. al massimo si mette una bella nota a pie' pagina
che spiega il gioco di parole che sta alla base della scelta dell'autore
(che poi mi pare esserci, nell'edizione della guida che ho io). Anche
perchè poi si lascia discrezionalità al traduttore, ed a me questo non
piace. Preferisco sempre sapere quel che ha scritto l'autore del libro
piuttosto che il modo in cui il traduttore ha reso il gioco di parole,
magari senza informare il lettore della dicitura originaria.
Mi è capitato, leggendo alcuni libri di Stephen King, che i nomi dei
personaggi comuni ai vari libri fossero tradotti in maniera differente
perchè i traduttore erano diversi. capisco la smania di tradurre sempre
e comunque, ma almeno andare a vedere come era stato già tradotto il
nome di quel personaggio e riportarlo allo stesso modo non mi pareva
questa gran fatica. Che si sarebbe comunque evitata se il nome fosse
stato lasciato così come King l'aveva creato.
a
--
"...gli adetti alla nostalgia accompagnarono tra i flauti
il cadavere di Utopia..."
F. De Andrè
s58302
2005-11-10 11:40:02 UTC
Permalink
Post by Doorman
Mi è capitato, leggendo alcuni libri di Stephen King, che i nomi dei
personaggi comuni ai vari libri fossero tradotti in maniera differente
perchè i traduttore erano diversi.
Eh sì, questa è una cosa veramente fastidiosa.

Concordo nel fatto che la prima traduzione (se non è malfatta,
ovviamente) dovrebbe far testo per le successive.
Ermentrude B.
2005-11-10 11:46:00 UTC
Permalink
Post by Doorman
si lascia discrezionalità al traduttore, ed a me questo non
piace. Preferisco sempre sapere quel che ha scritto l'autore del libro
piuttosto che il modo in cui il traduttore ha reso il gioco di parole,
magari senza informare il lettore della dicitura originaria.
Allora l'unica soluzione è avere il testo originale a fronte. Perché
leggendo una traduzione non puoi sapere che cosa ha scritto l'autore del
libro; puoi sapere soltanto che cosa ha scritto il traduttore.
Post by Doorman
Mi è capitato, leggendo alcuni libri di Stephen King, che i nomi dei
personaggi comuni ai vari libri fossero tradotti in maniera differente
perchè i traduttore erano diversi.
Questo è un problema di mancato coordinamento del quale i primi
responsabili sono gli editor delle case editrici. Poi, certo, un traduttore
scrupoloso dovrebbe stare attento a questi dettagli.
--
Erme
CG31 Proud Member n° 75

I don't believe in Elvis
I don't believe in Zimmerman
I don't believe in Beatles
I just believe in me
Doorman
2005-11-10 12:05:35 UTC
Permalink
Post by Ermentrude B.
Post by Doorman
si lascia discrezionalità al traduttore, ed a me questo non
piace. Preferisco sempre sapere quel che ha scritto l'autore del libro
piuttosto che il modo in cui il traduttore ha reso il gioco di parole,
magari senza informare il lettore della dicitura originaria.
Allora l'unica soluzione è avere il testo originale a fronte. Perché
leggendo una traduzione non puoi sapere che cosa ha scritto l'autore del
libro; puoi sapere soltanto che cosa ha scritto il traduttore.
Ma ovviamente io non mi riferisco al testo, ma ai *nomi propri* dei
personaggi, che avrei il piacere di leggere nella forma originaria
partorita dalla mente dell'autore. Su tutto quel che compone il discorso
il traduttore deve fare tutto quel che gli pare giusto per renderlo
nella forma più corretta e più congrua allo scritto dell'autore, e mai
mi sognerei di tacciare qualcuno di esser un cattivo traduttore...a meno
che non se mi si traduca, in un testo matematico, INTEGER (riferito ai
numeri interi) come NUMERI INTEGRALI :-)
Post by Ermentrude B.
Post by Doorman
Mi è capitato, leggendo alcuni libri di Stephen King, che i nomi dei
personaggi comuni ai vari libri fossero tradotti in maniera differente
perchè i traduttore erano diversi.
Questo è un problema di mancato coordinamento del quale i primi
responsabili sono gli editor delle case editrici. Poi, certo, un traduttore
scrupoloso dovrebbe stare attento a questi dettagli.
Infatti è quello che pensai: possibile che non abbiano dato almeno una
scorsa per vedere se e come era stato già tradotto quel particolare
nome? beh, evidentemente o non lo fecero o ritennero di modificare
comunque la traduzione senza informare il lettore.
Ricordo che una cosa analoga successe con un personaggio di Asimov, che
mutò il suo nome da Mulo a Mule nel corso delle edizioni. Ma lì,
correttamente, si informarono i lettori dell'avvenuta, lieve modifica
del nome del personaggio, motivandone le scelte editoriali che erano
alla base del mutamento.
a
--
"...gli adetti alla nostalgia accompagnarono tra i flauti
il cadavere di Utopia..."
F. De Andrè
Cammagno
2005-11-10 12:47:54 UTC
Permalink
In data giovedì 10 novembre 2005, Doorman, nel post
a meno che non se mi si traduca, in un testo matematico, INTEGER
(riferito ai numeri interi) come NUMERI INTEGRALI :-)
o "nitrogen" con nitrogeno, che ogni volta che loleggo/sento, mi vengono
istinti violenti ;P Per queste cose non ci sono cazzi, sono dovuti
esclusivamente ad ignoranza (e passi) e manxcanza di professionalità (e
questo no!) del traduttore.
--
Cammagno
SEMPRE FORZA TORO
Siamo tornati. Per restare.
Cammagno
2005-11-10 12:52:55 UTC
Permalink
In data giovedì 10 novembre 2005, Doorman, nel post
Post by Doorman
Ricordo che una cosa analoga successe con un personaggio di Asimov, che
mutò il suo nome da Mulo a Mule nel corso delle edizioni. Ma lì,
correttamente, si informarono i lettori dell'avvenuta, lieve modifica
del nome del personaggio, motivandone le scelte editoriali che erano
alla base del mutamento.
Caso molto interessante. Fa parte di quei nomi propri che ha
effettivamente senso tradurre, in quanto:
a) il nome ha un significato importante
b) il nome è perfettamente traducibile
Il primo trtaduttore scelse di lasciarloinvariato (scelta che IMO è cmq
sempre incontestabile), quello successivo scelse di tradurlo (perchè il
significato del nome aveva assunto maggiore rilevanza), venne messa una
bella nota editoriale che spiegava il come ed il perchè. Ottimo esempio
di cosa ben fatta, che infatti non da adito ad alcuna contestazione.
--
Cammagno
SEMPRE FORZA TORO
Siamo tornati. Per restare.
Cammagno
2005-11-10 12:44:22 UTC
Permalink
In data giovedì 10 novembre 2005, Ermentrude B., nel post
Post by Ermentrude B.
Post by Doorman
si lascia discrezionalità al traduttore, ed a me questo non
piace. Preferisco sempre sapere quel che ha scritto l'autore del libro
piuttosto che il modo in cui il traduttore ha reso il gioco di parole,
magari senza informare il lettore della dicitura originaria.
Allora l'unica soluzione è avere il testo originale a fronte. Perché
leggendo una traduzione non puoi sapere che cosa ha scritto l'autore del
libro; puoi sapere soltanto che cosa ha scritto il traduttore.
E dai, non stiamo "filosofeggiando", stiasmo parlando di cose concrete.
Diamo per scontate tutte le sacrosante osservazioni sul fatto che una
traduzione è sempre e cmq una rielaborazione del testo, e concentriamoci
sui fatti concreti. Si parla di modificare sensibilmente il senso di una
frase, o di sostuire un nome con un altro. Ritorniamo per esempio al
caso specifico di partenza:
Darth Vader = Lord Fener
Darth = Lord: IMO è una traduzione non necessaria. In originale di per
sè non significa niente, e quindi non c'è ragione per sostituirla con
un'altra: se non significa niente per un inglese, perchè deve
significare qualcosa per un italiano? Ma sappiamo che è importante
tenere contoanche delle connotazioni: in originale ricorda sicuramente
Dark, e probabilmente anche Death; in italiano sono state rese queste
connotazioni? No, assolutamente, anzi, è stata usata una parola con
connotazioni solitamente molto più positive, nobili. Però Darth è usato
come titolo onorifico, come anche Lord, e quindi, seppure non necessaria
ed un po' forzata, diciamo che si tratta di una traduzione passabile.
Vader = Fener Vader è un nome proprio, che non ha nessun senso e nessuna
connotazione nell'originale. Quindi andava lasciatoinvariato, imo non ci
sono cazzi. Se la ragione è veramente l'assonanza con "water"... mi
viene da piangere :P
Post by Ermentrude B.
Questo è un problema di mancato coordinamento del quale i primi
responsabili sono gli editor delle case editrici. Poi, certo, un traduttore
scrupoloso dovrebbe stare attento a questi dettagli.
Bene, su questo concordo :)
--
Cammagno
SEMPRE FORZA TORO
Siamo tornati. Per restare.
Ermentrude B.
2005-11-10 13:05:22 UTC
Permalink
Post by Cammagno
Post by Ermentrude B.
Post by Doorman
si lascia discrezionalità al traduttore, ed a me questo non
piace. Preferisco sempre sapere quel che ha scritto l'autore del libro
piuttosto che il modo in cui il traduttore ha reso il gioco di parole,
magari senza informare il lettore della dicitura originaria.
Allora l'unica soluzione è avere il testo originale a fronte. Perché
leggendo una traduzione non puoi sapere che cosa ha scritto l'autore del
libro; puoi sapere soltanto che cosa ha scritto il traduttore.
E dai, non stiamo "filosofeggiando", stiasmo parlando di cose concrete.
Va bene, ma volevo dire, concretamente, che in una traduzione *tutto* è
contestabile. Scelta di nomi, aggettivi, verbi, preposizioni,
punteggiatura.
Post by Cammagno
Darth = Lord: IMO è una traduzione non necessaria.
Anche IMO.
Post by Cammagno
Vader = Fener Vader è un nome proprio, che non ha nessun senso e nessuna
connotazione nell'originale. Quindi andava lasciatoinvariato, imo non ci
sono cazzi. Se la ragione è veramente l'assonanza con "water"... mi
viene da piangere :P
Forse ti verrà meno da piangere se pensi che quel nome non era destinato a
essere letto 'silenziosamente', ma ad essere pronunciato ad alta voce.
Forse in quel caso ti verrà un pochino da ridere, no?
--
Erme
CG31 Proud Member n° 75

I don't believe in Elvis
I don't believe in Zimmerman
I don't believe in Beatles
I just believe in me
Cammagno
2005-11-10 13:13:30 UTC
Permalink
In data giovedì 10 novembre 2005, Ermentrude B., nel post
Post by Ermentrude B.
Va bene, ma volevo dire, concretamente, che in una traduzione *tutto* è
contestabile. Scelta di nomi, aggettivi, verbi, preposizioni,
punteggiatura.
Si, ok, siamo d'accordo che "sia contestabile". Ma non è questo che si
stava contestando qui e ora. Si parlava di un caso ben specifico, la
"traduzione" di un nome originale.
--
Cammagno
SEMPRE FORZA TORO
Siamo tornati. Per restare.
Ermentrude B.
2005-11-10 13:18:59 UTC
Permalink
Post by Cammagno
Post by Ermentrude B.
Va bene, ma volevo dire, concretamente, che in una traduzione *tutto* è
contestabile.
Si, ok, siamo d'accordo che "sia contestabile". Ma non è questo che si
stava contestando qui e ora.
Oooooooooooooh, comunque, baaaaasta, celannotutticonme e tu sei un
contestaToro! :P
E ciao, mo' aggiafaticà!
--
Erme
CG31 Proud Member n° 75

I don't believe in Elvis
I don't believe in Zimmerman
I don't believe in Beatles
I just believe in me
Ermentrude B.
2005-11-10 11:30:02 UTC
Permalink
Post by Cammagno
Post by s58302
E' noto come il suono "vader" si prestasse alla confusione con il più
familiare "water" - che all'epoca, è bene ricordarlo, per pochi era
"l'acqua".
Già... questo è un tipico esempio delle seghe mentali che IMO un
traduttore non dovrebbe mai farsi. Un nome proprio IMO andrebbe *sempre*
lasciato com'è, fosse anche ... Kakà ;P
Questa è una tua opinione. Non condivisa da molti editori. Eppure, da
lettore di fantasy, dovresti sapere che evitando di tradurre un nome
proprio si possono perdere al lettore interi universi.
Post by Cammagno
Post by s58302
Si decise così di usare un'altro nome che (lode alla miglior scuola di
doppiaggio mondiale) consentisse un labiale consistente.
Grazie, Sciolingua. Altro dirti non vo'.
Post by Cammagno
Post by s58302
Con il "senno di oggidì", certe scelte possono apparire "riprovevoli"; a
ben vedere possono offrire spunti di riflessione su come è cambiata la
nostra collocazione nel mondo e su come siamo cambiati noi.
Wow, vedi tu che cose che escono fuori da una traduzione maldestra? :D
"Maldestra" a tuo modesto parere.
Post by Cammagno
[joking mode on]
Secondo me è colpa di un senso di frustrazione interiore dei traduttori,
che cercano rivalsa nell'esercitare un qualsivoglia controllo sull'opera
dell'artista originale, per cui provano una cocente invidia
[joking mode off]
Nel caso improbabile che tu *non* stessi affatto scherzando e che qualcuno
ti abbia preso sul serio, posso affermare che questa voglia di rivalsa mi è
totalmente estranea. E non la riconosco, in genere, nei miei colleghi.
Quello che cerchiamo di fare è rispondere alla seguente, non sempre logica,
domanda: come parlerebbe costui, se fosse italiano?
E ti assicuro che la mimesi azzera ogni eventuale invidia. Ci convinciamo
di *essere* l'autore che stiamo traducendo, non possiamo avere alcunché da
invidiargli.
--
Erme
CG31 Proud Member n° 75

I don't believe in Elvis
I don't believe in Zimmerman
I don't believe in Beatles
I just believe in me
Cammagno
2005-11-10 11:54:17 UTC
Permalink
In data giovedì 10 novembre 2005, Ermentrude B., nel post
Post by Ermentrude B.
Post by Cammagno
Già... questo è un tipico esempio delle seghe mentali che IMO un
traduttore non dovrebbe mai farsi. Un nome proprio IMO andrebbe *sempre*
lasciato com'è, fosse anche ... Kakà ;P
Questa è una tua opinione.
Lo so, l'ho scritto ben 2 volte in 3 righe, che è una mia opinione :)
Post by Ermentrude B.
Non condivisa da molti editori.
Lo so bene... e nonti sto a dire cosa penso degli editori ;P
Post by Ermentrude B.
Eppure, da lettore di fantasy, dovresti sapere che evitando di
tradurre un nome proprio si possono perdere al lettore interi
universi.
Secondo me sono molti di più i danni fatti traducendoli.
In ogni casodirei che la decisone dovrebbe prenderla l'autore, e dubto
fortemente che ce ne sarebbero molti che sarebbero favorevoli.
A meno di motivazioni ben precise e valide (vedi il caso di Tolkien).
Post by Ermentrude B.
Post by Cammagno
Wow, vedi tu che cose che escono fuori da una traduzione maldestra? :D
"Maldestra" a tuo modesto parere.
Secondo te è giusto "tradurre" Vader in Fener?
Post by Ermentrude B.
Nel caso improbabile che tu *non* stessi affatto scherzando
assolutamente improbabile, giuro :)
Se dico che sto scherzando, è perchè sto scherzando. Mai avuto problemi
a fare affermazioni anche molto forti senza nascondermi dietro ad un
dito, ti assicuro. dovresti averne avuto qalche esempio anche in questo
stesso ng.
Post by Ermentrude B.
e che qualcuno ti abbia preso sul serio
se poi il punto è che, benchè fosse una battuta dichiarata, te ne senti
in qualche modo offesa, di questo mi spiace. Io sono solito scherzare un
po' su tutto, anche e soprattutto su me stesso e su quanto mi rguarda
(in effetti forse su questo ng questo mio atteggiamento non è trapelato
in modo così netto come su altri) e tendo sempre a comportarmi come se
dovesse essere così un po' per tutti. ^^ Dal mio punto di vista era
talmente provocatoria ed esagerata da essere assolutamente palese che
fosse scherzosa (tanto è vero che inizialmente non avevoneanche messo il
disclairer, l'ho aggiunto all'ultimo minuto perchè temevo appunto che su
questo ng fosse necssario, a causa proprio del fatto che non tutti mi
conoscono bene). Se ciononostante è risultata offensiva me ne scuso,
davvero... ma in coscenza non posso promettere di non farlo più. Sono
fatto così, per cui è non solo possibile ma addirittura probabile che lo
farò ancora, su questo o su altri argomenti che dovessero "stimolarmi".
Post by Ermentrude B.
, posso affermare che questa voglia di rivalsa mi è
totalmente estranea. E non la riconosco, in genere, nei miei colleghi.
Non ne dubito :)
Post by Ermentrude B.
Quello che cerchiamo di fare è rispondere alla seguente, non sempre logica,
domanda: come parlerebbe costui, se fosse italiano?
si, lo so ^^
Post by Ermentrude B.
E ti assicuro che la mimesi azzera ogni eventuale invidia. Ci convinciamo
di *essere* l'autore che stiamo traducendo, non possiamo avere alcunché da
invidiargli.
Beh, adesso non generalizziamo troppo. Casiconclamati di invidia del
traduttore ne esistono (uno per tutti Tullio Dobner, il traduttore di
Stephn King), ma ti assicuro che sono assolutamente convinto che siano
le (rare) eccezioni e non la norma. Ti dico di più, credoanche che,
anche in quei rari casi, la cosa abbia una influenza minima o nulla sul
loro lavoro (che nel caso del citato Dobner è IMO piuttosto scadente, ma
per altre ragioni).
--
Cammagno
SEMPRE FORZA TORO
Siamo tornati. Per restare.
s58302
2005-11-10 12:15:27 UTC
Permalink
Post by Cammagno
A meno di motivazioni ben precise e valide (vedi il caso di Tolkien).
Certo che tradurre "Rivendell" prima con "Forraspaccata", poi con "Gran
Burrone", ha una motivazione ben precisa e valida! ;-)
Cammagno
2005-11-10 13:02:29 UTC
Permalink
In data giovedì 10 novembre 2005, s58302, nel post
Post by s58302
Certo che tradurre "Rivendell" prima con "Forraspaccata", poi con "Gran
Burrone", ha una motivazione ben precisa e valida! ;-)
Ne parlo in un altro post.
Intendevo motivazioni per tradurli, non per *come* tradurli :)

Cmq la traduzione di LotR è tutto sommato discreta.
--
Cammagno
SEMPRE FORZA TORO
Siamo tornati. Per restare.
Doorman
2005-11-10 12:30:40 UTC
Permalink
Cammagno ha scritto:

[CUT]
Post by Cammagno
Beh, adesso non generalizziamo troppo. Casiconclamati di invidia del
traduttore ne esistono (uno per tutti Tullio Dobner, il traduttore di
Stephn King), ma ti assicuro che sono assolutamente convinto che siano
le (rare) eccezioni e non la norma. Ti dico di più, credoanche che,
anche in quei rari casi, la cosa abbia una influenza minima o nulla sul
loro lavoro (che nel caso del citato Dobner è IMO piuttosto scadente, ma
per altre ragioni).
non avendo mai letto King in originale non so valutare la qualità del
lavoro di Dobner, anche se da più parti ho letto critiche a lui rivolte.
io so solo che Dobner è stato il traduttore storico di King, e quando
è capitato che il traduttore fosse diverso i nomi che Dobner aveva
ritenuto necessario tradurre sono stati ritradotti in maniera diversa.
uno su tutti, il "Re Rosso" che diventa il "Re Sanguinario".
a
--
"...gli adetti alla nostalgia accompagnarono tra i flauti
il cadavere di Utopia..."
F. De Andrè
AlexBi
2005-11-10 12:31:52 UTC
Permalink
Post by Cammagno
Beh, adesso non generalizziamo troppo. Casiconclamati di invidia del
traduttore ne esistono (uno per tutti Tullio Dobner, il traduttore di
Stephn King)
Ehm... non ho mai letto il king originale ma il king-by-dobner mi piacer
parecchio...
Cammagno
2005-11-10 13:10:12 UTC
Permalink
In data giovedì 10 novembre 2005, AlexBi, nel post
Post by AlexBi
Ehm... non ho mai letto il king originale ma il king-by-dobner mi piacer
parecchio...
Sai cosa? Piaceva abbastanza anche a me, prima di leggere king in
originale. A parte alcune cose che mi risultavano assolutamente
incomprensibili. Dopo aver letto in originale e aver capito cosa
combina, ti assicuro che non ti piace più :D Il problema è che Dobner
scrive assai bene... ma è uno di quelli che si reinventano
l'impossibile, e non disdegna di tagliare bellamente le cose che non sa
tradurre. E taglia o stravolge gran parte delle citazioni e delle
autocitazioni, perchè non le coglie lui e/o decide ch i lettori son
troppo stupidi per coglierle. Ti assicuro ce è di un irritante....
--
Cammagno
SEMPRE FORZA TORO
Siamo tornati. Per restare.
Doorman
2005-11-10 17:54:23 UTC
Permalink
Post by AlexBi
Ehm... non ho mai letto il king originale ma il king-by-dobner mi piacer
parecchio...
anche a me. almeno fino a 10 anni e 10 libri fa...
a
--
"dove forse era sogno, ma sonno non era..."
F. De Andrè
Ermentrude B.
2005-11-10 12:37:07 UTC
Permalink
Post by Cammagno
Post by Ermentrude B.
Eppure, da lettore di fantasy, dovresti sapere che evitando di
tradurre un nome proprio si possono perdere al lettore interi
universi.
Secondo me sono molti di più i danni fatti traducendoli.
Esagerato.
Post by Cammagno
In ogni casodirei che la decisone dovrebbe prenderla l'autore, e dubto
fortemente che ce ne sarebbero molti che sarebbero favorevoli.
L'autore non sempre è vivo, non sempre è disponibile e non sempre conosce
tanto bene l'italiano da poter autorevolmente imporsi in scelte editoriali
che, non vorrei dire una sciocchezza, ma credo non lo riguardino più, da
quando ha venduto i diritti di traduzione della sua opera.
--
Erme
CG31 Proud Member n° 75

I don't believe in Elvis
I don't believe in Zimmerman
I don't believe in Beatles
I just believe in me
s58302
2005-11-10 12:09:50 UTC
Permalink
Post by ***@Home
Post by s58302
Ummm... non sono mica sicuro! Cioè lo so che dicono Lord Fener, ma
davvero non dicono mai Darth Fener?
Nella versione originale del film, quella del 1977,
si usa Lord Fener senza alcuna ambiguita. Lo stesso
nei due episodi seguenti. D'altro canto il traduttore
del 1977 non sapendo cos'era un Darth, ha cercato
di rendere l'idea con una parola simile ma significativa.
Con l'arrivo delle versioni rimasterizzate e corrette, e
col successo di fine anni 90, e' arrivato il problema
della differente nomenclatura. Che si e' accentuato
con Episode I, che aveva un certo numero di Darth.
A quel punto nel 3 episodio sono passati ad un nome
misto Darth Fener.
Ho una cassetta registrata nei primi anni '90: certamente non è la
versione rimasterizzata. Sono curioso di vedere se quando Obi-Wan parla
a Luke del padre, non dice "Darth Fener". Certo il testo che ha mandato
AlexBi è relativo all'ultima correzione (c'è la scena di Solo e Jabba,
che prima non c'era), però la voce di Obi-Wan non può essere stata
rifatta: il doppiatore, Corrado Gaipa, è morto nel 1989.
andrea@Home
2005-11-10 13:21:24 UTC
Permalink
Post by s58302
Ho una cassetta registrata nei primi anni '90: certamente non è la
versione rimasterizzata. Sono curioso di vedere se quando Obi-Wan parla
a Luke del padre, non dice "Darth Fener".
Nel primo originale, no. La prima scena di Guerre Stellari con
Lord Fener che entra nell'astronave me la ricordo bene :-)
E il soldato dice proprio 'Lord Fener'.

Tra l'altro dopo hanno fatto un sacco di modifiche,
l'ultima scena di 'Il ritorno dello Jedi' per esempio e'
stata modificata per sostituire Anakin con l'attore
che lo ha impersonato nel 3 episodio :-)

Forza TORO

Andrea
s58302
2005-11-10 13:30:21 UTC
Permalink
Post by ***@Home
Post by s58302
Ho una cassetta registrata nei primi anni '90: certamente non è la
versione rimasterizzata. Sono curioso di vedere se quando Obi-Wan parla
a Luke del padre, non dice "Darth Fener".
Nel primo originale, no. La prima scena di Guerre Stellari con
Lord Fener che entra nell'astronave me la ricordo bene :-)
E il soldato dice proprio 'Lord Fener'.
No, non parlavo di quella scena lì, ma di quando Obi-wan dice "Un
giovane Jedi di nome Darth Fener, che era stato mio allievo", e poi
anche nel duello sulla Morte Nera quando Fener uccide Kenobi.
Continua a leggere su narkive:
Loading...